TAGLIATELLE ALLE CAPPEVIVE

20150214_123501Oggi propongo in menù un primo piatto , fatto in realtà tempo fa ma ancora non dimenticato, dal sapore marino pungente e forte e realizzato senza alcuna crudeltà nella lista ingredienti e tanto meno nell’esecuzione.Anzi, una crudeltà c’è eccome: il non poterne più godere ora che la sottoscritta, io me medesima Karin, è in regime glutenfree forzato dopo grave segno di non sopportazione dello stesso. In realtà la pasta non l’ho mai amata per cui rinunciarci o sostituirla con quella senza glutine non sarà poi tanto difficile. L’ho detto e lo ribadisco:io sono per I CEREALI così come mamma natura li ha fatti.

Questa piramide perfetta è riuscita a conquistare perfino il palato ostinato della materfamilias, sempre molto guardinga delle mie sperimentazioni e nemica giurata delle alghe. Quindi, non abbiate remore e proponetela anche ai più scettici dei commensali…magari, consiglio spassionato,elencate gli ingredienti segreti solo alla fine…così potrete pure farvi 4 fragorose risate di fronte allo sbianchimento delle gote dei bencapitati…sapete,  ste famigerate alghe che effetto strano fanno!

TAGLIATELLE ALLE CAPPEVIVE

20150214_123538

  • gambi di 10 funghi cardoncelli
  • salsa di soia qb
  • olio di lino estratto a freddo qb
  • 1 cucchiaio di capperi dissalati e tritati
  • 1 cucchiaio di anacardi ridotti a farina
  • 15 pomodorini datterini
  • succo di 1/4 di limone
  • un pugno di alghe miste ammollate (hijiki,kombu e nori)
  • timo ed erba cipollina fresca.

Tagliare a rondelle i gambi di funghi e passarle in padella con olio e un goccino di salsa di soia.Far caramellare e ritirare dal fuoco.Nella stessa padella rosolare in un goccino di olio uno spicchio d’aglio per chi lo tollera,i capperi , i datterini e le alghe tritate finissime. Non salare. Sfumare a piacere con del vino bianco secco vegan. Nel contempo cuocere la pasta e scolarla ancora al dente.Terminare la cottura delle tagliatelle in padella aggiungendo l’acqua di ammollo delle alghe, il succo di limone e la farina di anacardi per aiutare la mantecatura. A fuoco spento,unire le erbette tritate e servire.

Messo il tag:, , ,

4 thoughts on “TAGLIATELLE ALLE CAPPEVIVE

  1. erbaorfana 10 marzo 2015 alle 16:23 Reply

    Ragazze…fantastiche. Premetto che non ho ancora pranzatooooo. E vedo sta roba… Mi fate svenire. Bellissima questa pasta.

    Mi piace

  2. hazelnut1989 4 aprile 2016 alle 17:07 Reply

    Sei un genio… ma ci fai un post-lezione sulle alghe? descivi un po’ i loro sapori, abbinamenti… Usi le alghe fresche o secche? Vanno ammollate? Io finora ho provato solo l’alga nori secca ma l’ho trovata insapore.

    Mi piace

    • dockarin 13 aprile 2016 alle 18:05 Reply

      perchè no?

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

nade in the kitchen

cook, bake, love.

Green Cuisine

Concilier bien-être et gourmandise...

BACCHE DI GINEPRO E RADICI INGOMBRANTI

Storie di disobbedienza culinaria (blog vegano)

Green Kitchen Stories

The healthy vegetarian recipe blog

Gocce D'Aria

il blog della Daria

ravanellocurioso

Chef Anarco Vegan

la tana del riccio

..with my own two hands..

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: