GATTO’ A MODO MIO

DSCN1309Qualche tempo fa, avevamo promesso ad una nostra simpatica follower di realizzarle una ricetta ad personam visto essere lei stata la prima aprovare una nostra preparazione.E siamo state di parola.Il piatto tanto sognato? Uno dei capisaldi della gastronomia lussuriosa e barocca napoletana:il gattò di patate. Si tratta, per quei pochi che non lo sapessero,di uno sformato di patate ripieno di ogni ben di dio.E’ un piatto di recupero, svuotafrigo come si suol dire ma gustoso allo stesso tempo.Mentre nella sua versione originale e onnivora risulta essere pesante come piombo e digeribile in un anno solare, in questa mia versione al contrario si presenta alleggerito, gradevole, dal cuore coulant…perfetto come secondo piatto o come antipastino se ridotto nelle dimensioni. Ancora una volta, come vedete, le radici culinarie antiche italiane ci vengono in soccorso per imbastire un menù goloso e salutare…basta solo fare qualche aggiustatina e non c’è bisogno di scervellarsi tanto. Noi italiani siam proprio fortunati!

GATTO’ DI PATATE A MODO MIO

(dose per 4 persone)

DSCN1315

  • 6 patate medie bollite e schiacciate allo schiacciapatate (consiglio la varietà adatta alla preparazione di gnocchi);
  • 2 cucchiai di farina di mais fine;
  • 2 cucchiai di lievito alimentare;
  • pepe,sale,noce moscata;
  • pancetta vegetale di seitan affumicata (io Spacebar);
  • 150 ml circa di panna di riso densa o mozzarisella fumé.

Porre in una ciotola la purea di patate fredda,salarla,peparla e insaporirla con abbondante noce moscata grattata al momento. Aggiungervi la farina di mais e il lievito e la pancetta cubettata. Oleare e ricoprire di pangrattato una tortiera a cerchio apribile di 18 cm di diametro. Stendere metà del composto risalendo un pochino lungo i bordi in modo da creare una fossa centrale da riempire con la panna/mozzarella di riso.Ricoprire con la restante purea .Oleare abbondantemente in superficie e cospargere di pangrattato. Cuocere in forno a 200°C per 30 minuti,in modo da far gratinare la superficie e fondere il cuore centrale. Estrarre dal forno e lasciar riposare 5 minuti abbondanti.

DSCN1312Il ripeno può essere arricchito con pisellini o un velo di pesto o come vi suggerisce la fantasia.

Messo il tag:, , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

nade in the kitchen

cook, bake, love.

Green Cuisine

Concilier bien-être et gourmandise...

BACCHE DI GINEPRO E RADICI INGOMBRANTI

Storie di disobbedienza culinaria (blog vegano)

Green Kitchen Stories

Healthy Vegetarian Recipes.

ravanellocurioso

Chef Anarco Vegan

la tana del riccio

..with my own two hands..

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: