Archivi tag: nocciole

Biscotti senza glutine alle nocciole

DSC00870

Ingredienti:

per una decina di biscotti:

150g di farina di riso

50g di burro di arachidi

75g di zucchero di canna grezzo

100ml di latte di riso

un cucchiaino colmo di cremor tartaro

un pizzico di sale

nocciole per guarnire

DSC00868

Procedimento:

Unire in una ciotola tutti gli ingredienti tranne le nocciole e il cremor tartaro. Mischiare accuratamente assicurandosi di incorporare bene il burro di arachidi. Unire poi il cremor tartaro e mischiare bene senza perdere troppo tempo. Foderare una teglia con un foglio di carta forno e colare l’ impasto con l’ aiuto di  un cucchiaio cercando di dare una forma dignitosa. Guarnire con qualche nocciola spezzettata e infornare (forno preriscaldato) a 150° per una ventina di minuti.

 

MISTERY BOX # 3

Non mi ricordo nemmeno quando è stato fatto questo nostro giochetto…forse oramai un mese e mezzo fa…E credo anche che sia strapassato il momento di mostrarvi ciò che la sottoscritta , Karin anche detta La Vergara, ha impastrocchiato realizzato in meno di 2 ore. Per una pianificatrice e pesatrice ossessivo-compulsiva come me, ritrovarsi a spignattare con ingredienti inattesi e non direttamente scelti si rivela sempre un’impresa ardua e  stimolante al tempo stesso. Qualcosa alla fine son riuscita a impiattare ma… vi preannuncio di già che le mie realizzazioni non mi hanno personmalmente soddisfatta nè nella presentazione né nel gusto…insomma la più spietata critica è stata KARIN medesima.Ma andiamo subito a vedere la scatola cosa conteneva:

misteri3 spesa

Nocciole,cipollotti,erbe aromatiche fresche e miste,arancio rosso,pera,mela,carciofo,patata,cavolfiore,birra belga e riso parboiled

Dopo i soliti 5 minuti di disconnessione spaziotemporale in cui mi si accozzavano idee malsane in testa,prendo i coltelli dal manico e mi adopero in qualcosa che nemmeno io so sotto l’attenta supervisione della mia sous-chef a 4 zampe, ben più perplessa della sottoscritta come potete ben vedere dalla foto:

DSC00736

” sei sicura di quello che stai facendo? No perchè io qualche piccolo dubbio ce lo avrei…”

Tra taglieri ,tegami,cipollotti che mi fanno sgorgare lacrimoni stile Niagara falls…schiaffo le prime cose che mi trovo tra le mani…Decido di preparare un risottino con un tocco aromatico e crunchy…sì ok, ma poi con la frutta ed il resto? Una bella e semplice macedonia? no, troppo banale…opto per un antipastino. Grosso e tremendo errore: era meglio puntare su un fine pasto a me più consono ma oramai la battaglia è iniziata e va portata a termine. La giudichessa a marcia da generale e col sopracciglio arcuato soppesa ogni mio più impercettibile movimento.Annusa,guarda, lancia sguardi assertivi o interrogativi ma nulla trapela dalla bocca che presto sputerà il suo insindacabile giudizio.

Ed ecco le schifezze   cose  ( ok…non so come definirle…) uscite:

20150313_121208

Insalatina di rinforzo alle pere caramellate

20150313_121206

patate e mele pont-neuf al rosmarino e birra belga

misteri3 primo

risotto frappista al pesto di timo e nocciole

DSC00742

dsc00740

E queste le valutazioni della giudichessa Betta:

ANTIPASTINO CALDO-FREDDO                  RISOTTO FRAPPISTA

CREATIVITA’:                                           7                                                        7

GUSTO:                                       patate 9 cavolo 6 1/2                                        9

PRESENTAZIONE:                                     8 1/2                                                   9

Ma sì,diciamolo pure con comodo….è stata fin troppo generosa.

Ora se proprio volete divertirvi…provate a giocare allo stesso gioco con gli stessi ingredienti e vediamo che ci cavate voi! Oppure tentate di realizzare i miei stessi piatti…così…a sensazione. Scoprirete nuovi sapori e nuove idee! perchè la cucina in fondo è questo: gioco,passione e libertà di espressione.

Alla prossima puntata!!!

Mousse al cioccolato con caramello salato

DSC00753

Ingredienti:

dosi per due persone:

per la mousse:

100g di cioccolato fondente

60g di latte di riso

100g di acqua di conservazione dei ceci in scatola

per il caramello:

4 cucchiai di zucchero semolato

2 cucchiai di olio di semi

6 cucchiai di latte di riso

un pizzico di sale

nocciole tostate

 

Procedimento:

Per la mousse, Fondere a bagno maria il cioccolato con il latte. Nel frattempo montare a neve, ben ferma, l’ acqua dei ceci. Lasciar intiepidire il cioccolato ed unire poi alla neve, mescolando lentamente dal basso verso l’ alto con l’ aiuto di un cucchiaio di legno. Riempire le coppe e mettere in frigorifero. Per il caramello, mettere lo zucchero in un pentolino a fuoco basso. Quando lo zucchero sarà completamente sciolto e comincia a prender colore, levare dal fuoco e lasciar intiepidire per un paio di minuti, poi aggiungere l’ olio, michiare bene con un cucchiaio e poi aggiungere il latte di riso, continuando a misciare, infine aggiungere un pizzico di sale(la punta di un cucchiaino circa). Una volta raffreddato si può versare sulla mousse. Guarnire con qualche nocciola tostata. Lasciar riposare in frigo per almeno un paio di ore.

 

 

 

Barrette gianduia

vegaland barretteMolte delle idee sulle ricette da provare e sperimentare mi vengono dalle richieste pressoché quotidiane del mio entourage. Io poi mi affanno nello scovare suggerimenti nei più comuni motori di ricerca a immagini che oggi son tanto di tendenza. Qualche giorno fa, mia madre mi chiese qualcosa di sfizioso e diverso per la colazione/merenda.Avevo in mente di riempire i barattoloni di vetro della mia granola tuttigusti ma ho virato nel mentre alla realizzazione invece di queste barrette. Non sono croccanti,giacchè non cotte, ma “chewy” come dicono gli americani e cioè morbide e avviluppanti.Sebbene di origini anglosassoni,con l’accostamento da me combinato tra nocciole del piemonte e cioccolato fondente risultano prepotentemente Italiane nel gusto.Ricordano tantissimo i gianduiotti,piccoli lingottini dorati che erano spesso motivo di rissa tra me e mio fratello in passato. Ora potrei uccidere solo chi si avvicina alla scatola dei datteri…cambiamo tutti per fortuna. Quello che non muta mai, è la golosità .Ed ecco cosa mi ha guidato a fare:

                                                  BARRETTE AL GIANDUIA

DSCN0941

…piccole leccornie per bimbi golosi…

  • 75 g di olio di cocco ( o burro di cacao);
  • 30 g di olio di girasole spremuto a freddo;
  • 165 g di burro di nocciole homemade;
  • 226 g di agave e sciroppo di riso ( 50 % e 50% );
  • 210 g di fiocchi di avena ( per la versione glutenfree di riso o grano saraceno),
  • 170 g di cioccolato fondente in scaglie.

Sciogliere lentamente l’olio di cocco, l’olio di girasole , lo sciroppo, l’agave . Nel mentre tritare a scaglie il cioccolato e mescolarlo ai fiocchi.Far freddare il composto di olii e zuccheri e versarlo poi sui fiocchi. Mescolare bene e riporre in un contenitore quadrato prima in freezer e dopo 15 minuti in frigo.Dopo 2 h, tagliare a rettangoli e incartarli uno ad uno nella cartaforno. Vanno consumati freddi di frigo.

Buona lingottata!!

DSCN0947

SCRIGNI CROCCANTI NOCCIOLE E MELE

DSCN0846Altro dolcino superfast che ha conquistato il palato di una carissima e nuovissima amica di forchetta nonchè preparatissima (ammazza che abbondanza di superlativi!!) collega blogger . Un tortino molto stuzzicante alla vista, dal ripieno avvolgente e corposo …il tutto imprigionato in un guscio croccante e spiritoso di pasta phyllo. Anche con questo ho colpito il centro della gola di un onnivoro convinto ma non per questo recalcitrante allo scoprire nuovi piatti senza crudeltà al loro interno.
Eccoveli qua:

                                    SCRIGNI CROCCANTI NOCCIOLE E MELE:

DSCN0851

  • 3 mele piccole (renette più adatte alla cottura), succo di mezzo limone;
  • una confezione di pasta phyllo;
  • 150 g di farina di nocciole;
  • 50 g di zucchero;
  • 1 cucchiaio di latte d’avena;
  • 1 VEGG (fatto con 2 cucchiai di semi di chia polverizzati),
  • 2 cucchiai di panna di anacardi (fatta frullando anacardi ammollati una notte e frullati con acqua).

Tagliare le mele a tocchetti piccolissimi e cuocerle in un padellino solo con il succo di limone per appena 5 minuti, giusto per ammorbidirle.
Preparare la farcitura mescolando la farina di nocciole,lo zucchero,la panna,il latte e il vegg e regolando di densità (deve rimanere molto corposo perchè poi assorbirà l’acqua delle mele).
Nella tortiera da muffins oleata,porre delle strisce di pasta phyllo larghe 5 cm e lunghe 15 cm ca ad intreccio e in modo non preciso.Posizionare 2 cucchiai colmi di farcia in ogni fossetta e ricoprire con una parte delle mele.Richiudere ogni tortino in modo casuale.Terminare gli ingredienti (vengono 12 tortini precisi) e porre in forno a 180 °C fino a doratura completa.
Servire con una salsa inglese a specchio e volendo una colatura di caramello sopra al tortino. Bon appétit!

Gnocchi di castagne al pesto di verza e nocciole

DSCN0415

Giovedì Gnocchi! Il mio piatto preferito in assoluto:Il piatto che ti sogni di notte quando i morsi della fame improvvisa ti strozzano lo stomaco,il piatto che si assomma ad altre immagini nostalgiche della tua terra quando sei lontana da casa,il piatto che racchiude istanti di vita passata quando ammiravi esterrefatta la maestria nel loro confezionamento da parte della mamma, il piatto che profuma d’infanzia e allegria, il piatto che ti rassicura e rigenera dopo una giornata pesante e logorante, il piatto che per primo hai realizzato tra millanta peripezie da sola, il piatto che hai trasformato in una marea di versioni più o meno delicate e stravaganti o caserecce e nostrane,il piatto che ti accompagnerà nel tuo futuro quando sarai te a tramandarlo e ad insegnarlo coi tuoi trucchi e segreti.Gli gnocchi sono le mie madeleines , i diamanti più belli che mia madre mi ha consegnato.


Gnocchi di castagne al pesto di verza e nocciole :

lessare 1 kg di patate gialle , sbucciarle,schiacciarle e lasciarle freddare.Impastarle poi con circa 300 g di mix di farine ( in questo caso,semola,farina 0,farina di castagne di qualità in parti uguali).Prepare gli gnocchi come di consueto.

Per il pesto: scottare qualche foglia di verza ( circa 5-6) e una volta fredde, mixarle grossolanamente con 60 g di nocciole del Piemonte (gentile regalo di una gentile signora !), olio qb,sale,pepe,un mazzetto di basilico fresco(ultimo superstite della mia pianta), 30 g di grana veg.

Condire gli gnocchi caldi con il pesto allungato con un po’ di acqua di cottura,mescolare e innaffiare di olio ai semi di zucca per elevare al massimo la tonalità verde brillante del piatto.A piacere spezzare il gusto con dadolata di zucca hokkaido al rosmarino e curcuma.Strani ma superbi.

DSCN0410

Di Crudo in Cotto!

DSCN0503

La verdura, per quanto mi riguarda, non l’ho mai considerata, nemmeno in passato, un contorno ma è sempre stata la protagonista principale , e più di una volta solista, dei miei pasti.Ma come ho di già ribadito nei precedenti posts,devo inventarmi sempre originali presentazioni e condimenti in modo da renderla ogni volta una gioiosa scoperta per il palato. Mi reputo una sorta di stilista della verdura: adoro cambiarla d’abito e renderla a volte irriconoscibile o ammantarla sotto veli impalpabili di odori esotici, mi piace confezionarle vestiti di alta moda o puntare sulla semplicità elegante con più o meno usuali abbinamenti di erbe o frutta secca. Così oggi, presento 2 piatti forti interamente vegetali,uno crudo ed uno cotto, magari da portare in tavola nei giorni di festa.Per rimanere leggeri e senza rimpiangere preparazioni più laboriose per lo stomaco.Io sono appagata.Ora provatele e per un po’  starete con la pace dei sensi (gustativo e visivo e olfattivo) anche voi.

CROCIFERATA GINGER&HAZ

DSCN0498

  • Pari peso tra broccoletti siciliani,cavolfiore verde e cavoletti di Bruxelles cotti tutti a vapore
  • 150 g di nocciole tostate e tritate grossolanamente
  • 2 scalogni
  • olio alla liquirizia,zenzero fresco,sale qb.

Una volta cotte le verdure al dente,rosolare in padella con olio gli scalogni e le nocciole e poi condirvi la verdurata.Salare a piacere e completare con una grattata molto abbondante di zenzero fresco.A piacere aggiungere anche curcuma e paprika affumicata in polvere per incrementare la portata antitumorale del piatto e la presenza scenica.

DSCN0501

NSALATA SICILIANA AL SALE SENAPATO

DSCN0481

  • 2 finocchi
  • 1 arancia tarocco
  • 100 g di olive verdi
  • un filo di evo e un
  • goccio di aceto di riso
  • un cucchiaio di mix di alghe secche
  • senape gialla in grani

Preparare l’insalata con tutti gli ingredienti e condirla con il sale senapato che si ottiene così:far tostare in padella chicchi di senape fino a percepirne l’odore,e pestarli poi al mortaio con un cucchiaino di sale.

 

nade in the kitchen

cook, bake, love.

Green Cuisine

Concilier bien-être et gourmandise...

BACCHE DI GINEPRO E RADICI INGOMBRANTI

Storie di disobbedienza culinaria (blog vegano)

Green Kitchen Stories

The healthy vegetarian recipe blog

Gocce D'Aria

il blog della Daria

ravanellocurioso

Chef Anarco Vegan

la tana del riccio

..with my own two hands..

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: