Archivi tag: noce moscata

Besciamella

DSC00954

Ingredienti:

400g di latte di avena
30g di farina di riso
2 cucchiai di olio evo
noce moscata
sale e pepe

Procedimento:

Stemperare la farina di riso nel latte in modo da non formare grumi. Cuocere a fiamma vivace mescolando spesso, per evitare che si attacchi sul fondo. Quando risulterà una bella crema densa spegnere, aggiungere l’ olio e una generosa grattata di noce moscata. Aggiustare di sale e pepe.

 

 

GATTO’ A MODO MIO

DSCN1309Qualche tempo fa, avevamo promesso ad una nostra simpatica follower di realizzarle una ricetta ad personam visto essere lei stata la prima aprovare una nostra preparazione.E siamo state di parola.Il piatto tanto sognato? Uno dei capisaldi della gastronomia lussuriosa e barocca napoletana:il gattò di patate. Si tratta, per quei pochi che non lo sapessero,di uno sformato di patate ripieno di ogni ben di dio.E’ un piatto di recupero, svuotafrigo come si suol dire ma gustoso allo stesso tempo.Mentre nella sua versione originale e onnivora risulta essere pesante come piombo e digeribile in un anno solare, in questa mia versione al contrario si presenta alleggerito, gradevole, dal cuore coulant…perfetto come secondo piatto o come antipastino se ridotto nelle dimensioni. Ancora una volta, come vedete, le radici culinarie antiche italiane ci vengono in soccorso per imbastire un menù goloso e salutare…basta solo fare qualche aggiustatina e non c’è bisogno di scervellarsi tanto. Noi italiani siam proprio fortunati!

GATTO’ DI PATATE A MODO MIO

(dose per 4 persone)

DSCN1315

  • 6 patate medie bollite e schiacciate allo schiacciapatate (consiglio la varietà adatta alla preparazione di gnocchi);
  • 2 cucchiai di farina di mais fine;
  • 2 cucchiai di lievito alimentare;
  • pepe,sale,noce moscata;
  • pancetta vegetale di seitan affumicata (io Spacebar);
  • 150 ml circa di panna di riso densa o mozzarisella fumé.

Porre in una ciotola la purea di patate fredda,salarla,peparla e insaporirla con abbondante noce moscata grattata al momento. Aggiungervi la farina di mais e il lievito e la pancetta cubettata. Oleare e ricoprire di pangrattato una tortiera a cerchio apribile di 18 cm di diametro. Stendere metà del composto risalendo un pochino lungo i bordi in modo da creare una fossa centrale da riempire con la panna/mozzarella di riso.Ricoprire con la restante purea .Oleare abbondantemente in superficie e cospargere di pangrattato. Cuocere in forno a 200°C per 30 minuti,in modo da far gratinare la superficie e fondere il cuore centrale. Estrarre dal forno e lasciar riposare 5 minuti abbondanti.

DSCN1312Il ripeno può essere arricchito con pisellini o un velo di pesto o come vi suggerisce la fantasia.

Gratin dauphinois

DSC00598

Tipiche della cucina francese, queste patate prevedono l’ uso di panna e formaggio….ecco, con meno ingredienti si può ottenere un risultato praticamente uguale e decisamente migliore

Ingredienti:

patate

latte di avena

noce moscata

sale

pepe

olio evo

aglio in polvere

lievito alimentare

Procedimento:

Sbucciare le patate e tagliare a fette sottilissime. Sbollentare le patate nel latte di avena salato. Scolare le patate con una schiumarola prima che la cottura sia completa . Lasciare andare a fuoco alto il latte avanzato fino a restringerlo, poi aggiungere aglio in polvere, pepe, lievito alimentare(attenzione a non farlo troppo salato)  e noce moscata. in una teglia poi disporre le patate a strati alternandole con la crema ottenuta dal latte. Infornare a 200° fino ad ottenere una bella crosticina dorata.

DSC00601

Pisello Triangolare

DSCN0737

Giocare con le forme oltre che con i colori è un’altra mia attività , finora rimasta sepolta sotto la veste della perfettina e precisina mai scomposta. Dichiarazione ufficiale: nulla corrisponde a realtà. Nelle mie vene scorre sangue technicolor da artista soffocata che trova però sfogo, in certe giornate storte, nella cucina…non a caso bianca come tela nuova. E proprio l’altro giorno, pensando a cosa mancasse nella mia paginetta, ho escogitato questo simpatico secondo piatto, oserei dire a prova di bimbo. Perchè triangoli? Mah, chissà! Consiglio di presentarli a tavola o così o in veste di semplici bigliette in umido, affogate in ettolitri di pummarola aromatica e , in tal caso, vi prescrivo obbligatoria scarpetta accompagnata da sottofondo musicale di godimento …

                                                               IL TRIANGOLO SI’!

  • 400 g di piselli secchi spezzati cotti e freddati
  • 100 g di spinaci lessi e freddi
  • 2 C di farina di miglio
  • 2 c di semi di chia
  • 160 g di fiocchi d’avena
  • noce moscata,curry,origano,santoreggia,pepe e sale qb

Ancora una volta, semplicissimo: frullare tutti gli ingredienti nel mixer regolando di sapidità,sapori e consistenza. Dare la forma voluta e o cuocere in padella a fuoco bassissimo con olio o , meglio, rosolare prima in padella asciutti e poi far insaporire nella salsa di pomodoro e cipolla. Si possono anche friggere e fare poi in umido.A voi la scelta. Io le ho servite con una salsa di zucca butternut, sale rosa alla barbabietola, pepe e olio.

Passatelli in brodo

DSC00475-3-300x225

Ingredienti:

Pane grattato

Farina di ceci

Farina

Noce moscata

Lievito alimentare in scaglie

Acqua

Olio evo

Scorza di limone grattata

Sale

Pepe

Brodo vegetale

 

Procedimento:

In una ciotola mischiare due terzi di  pan grattato e uno di farina di ceci, poca farina bianca(o integrale), un pizzico di lievito alimentare , la scorza del limone grattata e profumare con un velo di noce moscata(a secondo dei gusti), un filo di olio evo e aggiustare di sale e pepe. Cominciare a versare l’ acqua poco alla volta mescolando bene il tutto, deve uscire un panetto omogeneo non troppo duro e non troppo appiccicoso, se ciò dovesse succedere aggiungere un po’ di farina. Lasciare riposare in frigo per un ora circa.

Portare ad ebollizione il brodo, munirsi dell’ apposito marchingegno da passatelli o in mancanza di questo va benissimo uno schiaccia patate a fori larghi. Fare i passatelli lunghi tra i 5 e gli 8 cm. Abbassare il fuoco del brodo, deve sobbollire, versare i passatelli. Quando saranno venuti tutti a galla spegnere il fuoco e servire.

nade in the kitchen

cook, bake, love.

Green Cuisine

Concilier bien-être et gourmandise...

BACCHE DI GINEPRO E RADICI INGOMBRANTI

Storie di disobbedienza culinaria (blog vegano)

Green Kitchen Stories

The healthy vegetarian recipe blog

Gocce D'Aria

il blog della Daria

ravanellocurioso

Chef Anarco Vegan

la tana del riccio

..with my own two hands..

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: