Archivi tag: prezzemolo

Primavera senza glutine

Tre condimenti semplicissimi , creati con i prodotti più gustosi di questa stagione, per condire pasta senza glutine (di riso, di mais, di riso e mais, di grano saraceno, ecc..)

 

Pesto aromatico:12939463_10209122763097081_931503151_n
un bel mazzo di erbe fresche : maggiorana, salvia, finocchietto selvatico, prezzemolo, rosmarino, santoreggia, timo, erba cipollina
due spicchi di aglio (privati dell’ anima)
2/3 cucchiai di olio extra vergine di oliva
una manciatina di mandorle
1/2 cucchiai di acqua
Tritare le mandorle poi unire  tutti gli ingredienti insieme e frullare fino ad ottenere una bella crema liscia, se necessario salare alla fine.
.
.
.
.
.
.
.
.
Crema di asparagi:
DSC00919
Un mazzetto di asparagi
uno scalogno
olio evo
qualche noce
sale e pepe
.
Lavare gli asparagi , tagliarli a piccole rondelle tenendo da parte le punte. In una padella imbiondire lo scalogno in un filo di olio evo,  aggiungere gli asparagi (senza le punte) con un pò di acqua, chiudere con coperchio e lasciar andare a fuoco medio finchè non risulteranno teneri. Frullare il tutto. cuocere in acqua salata le punte e la pasta insieme, scolare tenendo un pò di acqua di cottura e mantecare in padella. Aggiungere alla fine qualche noce sbriciolata grossolanamente.
.
.
Carciofi e patate:
DSC00926Aglio
carciofi
prezzemolo
olio evo
sale
pepe
Imbiondire  aglio tritato finemente, in una padella antiaderente, con l’ olio extra vergine di oliva; Aggiungere poi i carciofi tagliati a julienne, aggiungere un pò di acqua e chiudere con coperchio. Lasciare andare fino ad avere i carciofi belli morbidi. Aggiustare di sale e pepe. Cuocere la pasta con la patata tagliata a dadini. Scolare e saltare in padella con i carciofi e un pò di acqua di cottura della pasta . Unire il prezzemolo e servire ben caldo.

Polpettone venere di lenticchie (senza glutine)

DSC00930

Ingredienti:

riso venere

lenticchie rosse decorticate

cipolla

aglio

farina fioretto

mazzetto odoroso(timo, maggiorana, prezzemolo, rosmarino)

olio evo

sale e pepe

DSC00933

Procedimento:

Cuocere il riso venere (un po’ oltre la cottura) scolare e frullare grossolanamente. Unire poi le lenticchie rosse decorticate cotte, in proporzione deve essere una parte di riso e una di lenticchie (metà e metà) . Aggiungere le erbette, l’ aglio e la cipolla tritati finemente . Poi poco alla volta la farina di mais fioretto fino ad ottenere una consistenza abbastanza compatta. Aggiustare di sale e pepe. Formare il polpettone e adagiarlo su una teglia rivestita di carta forno con un filo di olio evo. 30 minuti a 220°

PESTO PREZZEMOLO LIMONE E MENTA

DSCN1521Son giorni molto movimentati in casa, sopratutto per la sottoscritta: studio,allenamenti,lavoretti vari e vita vissuta che s’ha da vivere e non posso demandare ad altri,ovviamente. La voglia di spignattare e librarmi tra i fornelli é da un po’ latitante.Le ispirazioni sono ancora innumerevoli, non vi preoccupate. Però il richiamo del Sole e del suo Calore comincia ad essere imperante e quasi tirranico: ho desiderio di aria, di tepore, di brezza e di leggerezza. Fuori così come dentro.Negli ultimi due mesi mi sto scoprendo come non mai con persone nuove e mi sto “destrutturando”, tanto per usare un termine culinario. Sto affrontando una demolizione interiore cercando di liberarmi da sovrastrutture mentali forzate e inveterate. Forse ne uscirà una persona completamente nuova, o forse una vecchia ma ripulita da storture e brutture. Forse non più sola, ma cinta da varie persone ciascuna con la sua funzione nel mio cammino. Forse. Chissà che finalmente non sia primavera pure per me?

E per saziare la mia brama di freschezza , ho pensato ad un veloce pesto: frizzante,diverso e cremoso adatto sia per condire un primo di pasta o cereale o per esaltare una fetta di buon pane casereccio tostato o anche , perchè no, per gustare delle crudité croccanti.A voi la scelta e la prova !

PESTO PREZZEMOLO,MENTA E LIMONE

DSCN1530

  • 40 g di prezzemolo
  • 25 g di menta piperita o selvatica
  • 15 g di lievito alimentare
  • 40 g di olio evo
  • buccia grattata di un limone bio
  • succo di mezzo limone bio
  • 50 g di semi di girasole lievemente tostati
  • sale rosa qb

Frullare tutto evitando il surriscaldamento delle erbe. Consiglio di tostare i semi e/o i pinoli usati in modo da esaltarne i sapori e consentire la più facile fuoriuscita dei loro olii naturali. Buon appettito!

Avohummus al sumak

hummus vegaNon che credi all’oroscopo, né tantomeno ai profili pesudopsicologici che vengono affibbiati agli stessi . Tuttavia, a volte, quando mi capitano sotto mano codeste interpretazioni da psichiatra via posta me le leggo, così tanto per. Possono suscitare una risata fragrante , possono farti accennare un sorriso di compiacimento, possono farti accigliare per un nanosecondo quando trovi scritte parole che non ti calzano addosso neanche nei sogni o negli incumbi,decidi te. Io sarei un Acquario, per giunta della seconda decade, per giunta con ascendenza in Vergine. Ok. E con ciò? Stando ai maggiori esperti del settore, vedi Fox-addicted & co, sarei un’avanguardista fuori dagli schemi, scalpitante come una Furia , cavallo pazzo della campagnetta marchigiana, sognatrice,cosmopolita e varie ed eventuali. Ok. La verità? L’unico mio tratto futurista, se proprio vogliamo scomodare i Veri artisti,sta nella cucina: mi piace tutto ciò che è strano ,esotico ,lontano ,sconosciuto ,inimmaginato, azzardato….Ecco, per il resto sono una persona banale, piatta, con una vita grama e per nulla impavida e scellerata. Sono uno dei pesci che si è catapultato fuori dall’acquario per abbandonarsi alle lusinghe del divano.Mettiamola così.Sono una solitaria ricercatrice della bizzaria tra i fornelli. Ed un’amante fedele delle salse e dei condimenti particolari, che non trovano ahimè un fervido consenso tra i consanguinei, molto più nostrani e caserecci della sottoscritta. E va be’, allora ‘sto hummus ve lo lascio…godetene fino all’ultima leccata di dita.certo, è proprio così che si mangia, come sennò?

                                               AVOHUMMUS AL SUMAK ROSSO

DSCN0925

  • 150 g di ceci cotti;
  • 1/2 avocado hass maturo;
  • un pizzico di sale;
  • 1 cucchiaio abbondante di sumak rosso;
  • una manciata di prezzemolo fresco tritato;
  • pepe fresco macinato.
DSCN0921

una delizia dal sapore lontano…

Frullare tutto nel mixer regolando la densità a piacere. Servire su crostini di pane, con verdure crude o come vi suggerisce l’inventiva dell’istante.

DSCN0919

E con questo nacque la mia sumak-addiction…

http://www.erbatisana.it/ultime/antiossidanti

Vedete che polvere magica è il sumack? ecco perchè d’ora in avanti ne abuserò seriamente!

MIGLIO MARINO

DSCN0905Dietro a figurine , a pixels si nascondono personaggi i più variegati che rimangono solo voci scritte e battute felici.A volte, invece, quelle fototessere acquistano voci vere , divertenti e rassicuranti o allegre, con le quali puoi trascorrere lunghi minuti a parlare di ogni cosa, dal sacro al profano. Ne scopri le sfumature di dolcezza o di profondità intellettuale.E come d’incanto ,l’immagine rettangolare rompe il suo confine geometrico e diventa Persona.Non più maschera muta. Molte di queste figurine si sono animate e catapultate nella mia esistenza, alcune solo rimandendo voci e chiacchiere spensierate, altre presentandosi in carne e ossa ad accompagnarmi per un tragitto breve o meno lungo il mio cammino.Ad una di queste belle voci , che suonano di leggerezza e serietà, melodiche e piene come la Terra da cui nascono, è ispirato il piatto di oggi. Strano,marino,aromatico …ti lascia dentro il sapore di sale e di mare…il Mare Nostrum e di chi hai lasciato viverlo.

                                                         MIGLIO MARINO ( x 2 persone):

DSCN0901

  • 100 g di miglio;
  • zenzero in polvere;
  • un pugnetto di alghe hijiki ammollate;
  • un foglio di nori ammollato;
  • 2 cucchiai di capperi ;
  • 150g  di datterini gialli al naturale;
  • 1 cucchiaio colmo di datterini rossi sottolio fatti in casa;
  • 1 cucchiaino di origano in polvere;
  • 1 mazzetto di prezzemolo fresco battuto;
  • 1 fetta di pane integrale fatto in casa raffermo;
  • 1 cucchiaio di pangrattato;
  • aglio in polvere;
  • 2 cucchiai di uvetta e cranberries secchi;
  • peperoncino in polvere;
  • olio di semi di lino estratto a freddo;
  • 2 cucchiai di mandorle in scaglie.

Cuocere il miglio sciacquato in un pentolino con il triplo peso di acqua lievemente salata, abbondante zenzero in polvere per circa 20 minuti a fuoco dolce. Farlo riposare, a cottura terminata, coperto in padella per qualche minuto.
In una padella saltare senza olio i datterini gialli e rossi secchi, le alghe finemente tritate a coltello,l’uvetta e i cranberries, i capperi anch’essi tritati, il peperoncino,l’aglio in polvere e l’origano. A parte mixare il pane raffermo,il prezzemolo e il pangrattato ottenendo una panure verde brillante : una parte verrà usata come legante della salsa marinara al posto di oli o altro, l’altra verrà tostata a secco per rifinire il piatto e dare croccantezza. Tostare le mandorle a lamelle e mettere da parte.
Saltare il miglio velocemente nel sughetto mantecando con olio di lino. A fuoco spento aggiungere mandorle a filetti e la panure tostata .
Ottimo sughetto che si accoppia perfettamente con delle linguine o una bella fregola sarda.

DSCN0903

un piatto sano e dal sapore di mare…

 

DSCN0900

Colorato,vivace nel gusto e sofisticato quanto basta.

 

Fagiolo Solfì alla gremolada di prezzemolo

DSCN0256Un’altra delle mie passioni culinarie è la riscoperta di legumi, cereali,farine e prodotti della terra autoctoni e locali. In questo piatto contadino e di una semplicità disarmante , ho estrapolato tutta la bontà,la burrosità e la scioglievolezza di un tipo di fagiolo locale e quasi andato perduto nel tempo perchè soffocato e annebbiato dalla diffusione di legumi più conosciuti e non sempre di provenienza italiana.Questo piccolo fagiolo tondo e perlaceo ma che in realtà da crudo si presenta con un fulgido colore giallo-verdino fluo (sì,avete capito bene …fosforescente) è chiamato Solfì e assomiglia un po al più noto zolfino. L’ho cucinato e proposto ai miei commensali senza alcun fronzolo , senza alcun orpello speziato che ne avrebbe distorto l’essenza gustativa. Semplice,semplice come la mia Terra.


Fagiolo Solfì alla gremolada di prezzemolo:

ho lessato ,con una striscia di kombu ,per circa 2 ore 200 g di fagioli Solfì ammollati una notte  .Una volta cotti,scolati e intiepiditi li ho conditi con una gremolada fatta mescolando sale,olio buono,pepe nero macinato fresco,scrorza di limone e abbondante prezzemolo fresco e succo di mezzo limone.Lasciar insaporire 1 h.A piacere aggiungere datterini confits.

Buona degustazione.

DSCN0251

Riso venere con salsa alla menta e pere

riso-betta-mod-300x206

Una ricetta semplicissima da realizzare e di facile riuscita

Ingredienti:

riso venere

panna di avena

menta fresca

zest di limone

prezzemolo

pera matura

zucchero

olio evo

granella di mandorle

Procedimento:

Lessare il riso venere scolare ed aggiungere un filo di olio; sbucciare la pera e tagliare a fettine non troppo sottili, mettere in padella antiaderente con lo zucchero ed un goccio di acqua, lasciare andare a fuoco basso;  nel frattempo frullare la panna con la menta il prezzemolo e lo zest di limone, aggiustare di sale e pepe, versare il contenuto in una padella con olio evo e far scaldare bene. Quando le pere saranno ben caramellate, impiattare tutti e tre gli elementi ben caldi e aggiungere la granella di mandorle

nade in the kitchen

cook, bake, love.

Green Cuisine

Concilier bien-être et gourmandise...

BACCHE DI GINEPRO E RADICI INGOMBRANTI

Storie di disobbedienza culinaria (blog vegano)

Green Kitchen Stories

The healthy vegetarian recipe blog

Gocce D'Aria

il blog della Daria

ravanellocurioso

Chef Anarco Vegan

la tana del riccio

..with my own two hands..

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: